Il Supercoppa Day è arrivato. Domenica, in un pomeriggio a tema Pallamano, si assegnerà a Salerno, in unica data e in unica sede, la Supercoppa maschile e femminile, primo trofeo di questa stagione e ultimo atto di quanto accaduto nel 2018 della Serie A1. Sarà la 12^ edizione ogni epoca, con due finali del tutto inedite: Jomi Salerno – Mechanic System Oderzo al femminile (h 17:15) e Acqua & Sapone Junior Fasano – Pressano al maschile (h 19:00). Prima volta nel 2006, col taglio del nastro spettato al Merano e al Sassari, rispettivamente uomini e donne. Il sodalizio sardo è una delle tre squadre che, al femminile, detiene il record di successi: tre in tutto, assieme a Conversano – unica a vincere consecutivamente nel 2014, nel 2015 e nel 2016 – e Salerno. Le campane, anche detentrici del trofeo, avranno contro Oderzo la possibilità di difendere quanto conquistato nel settembre 2017 e di diventare la squadra ad aver vinto di più in assoluto, anche comprendendo gli uomini. Un record il sodalizio campano lo ha già: quello di aver giocato il maggior numero di finali, 7 in tutto. Quella tra Salerno e Oderzo è una partita dalla lettura tutt’altro che scontata, soprattutto perché ad appena due settimane dal 18-18 in campionato maturato in casa delle venete. La sfida di domenica aggiungerà due variabili importanti: il fattore campo invertito e il rientro dall’infortunio di Valentina Landri, centrale campano assente nello scontro diretto in Veneto. Tra gli elementi di maggior interesse della sfida c’è il derby croato tra le panchina: Neven Andreasic su quella di Oderzo ed ex illustre al Pala Palumbo, Dragan Rajic al primo anno su quella di Salerno e chiamato a confermare i successi ottenuti dal suo club lo scorso anno. Spettacolo assicurato sia alle 17:15 (arbitri Rosca – Merisi), sia alle 19:00 (arbitri Cosenza – Schiavone) con la sfida maschile tra Fasano e Pressano. Il club pugliese la coppa l’ha giù alzata al cielo una volta, nel dicembre 2016. In quell’occasione c’erano entrambi i giocatori più vincenti nella storia della manifestazione: Demis Radovcic e Vito Fovio, entrati rispettivamente 5 e 4 volte nell’albo d’oro. Per i trentini del tecnico Branko Dumnic, ex della sfida, seconda chances dopo la sconfitta nel 2015 per mano di Bolzano. Stavolta in campo neutro e col conforto dell’ultimo precedente in stagione: un 30-20 nettissimo al Palavis che grida vendetta sul fronte pugliese. Copertura senza precedenti per l’appuntamento. Entrambe le gare saranno trasmesse in diretta televisiva dal Pala Palumbo su Sportitalia (canale 60 DTT & 225 SKY) e in live streaming su PallamanoTV (www.pallamano.tv).