Impegno internazionale per la Jomi Salerno. Reduce dall’esaltante e formativa esperienza nei preliminari di Champions League, le campionesse d’Italia ospiteranno domani (domenica 14 ottobre ndr) nell’impianto amico della Palestra Caporale Maggiore Palumbo le russe dello Zvezda Zvenigorod per il match d’andata di Qualification Round 2 EHF Cup. La gara di ritorno è in programma in terra russa sabato 20 ottobre con inizio alle ore 17:30. La compagine russa può vantare una grande tradizione pallamanistica, nel suo palmares figurano infatti una vittoria in Champions League nel 2008 ed uno in EHF Cup nel 2006. Inoltre lo Zvezda Zvenigorod è stata finalista di Cup Winners Cup nel 2014. Per la Jomi Salerno sarà la prima volta contro una squadra russa, in un carnet di partecipazioni alle competizioni europee salito a quota 12 complessive. Unico precedente a metà degli anni ’90, quando l’allora Handball Salerno, sempre in EHF Cup, fu opposta al Trump di San Pietroburgo. Sarà la prima volta in Italia anche per la Zvezda Zvenigorod, un esordio assoluto che il pluridecorato team russo ha preparato con grande scrupolo e non lasciando nulla al caso.  La Jomi Salerno approda al secondo turno di EHF Cup dopo aver chiuso al quarto posto il girone di Champions League disputatosi a Lublin in virtù delle sconfitte contro le padrone di casa del Perla e le spagnole del Bera Bera. Lo Zvezda Zvenigorod, che nel suo massimo campionato occupa attualmente l’ottavo posto dopo 5 giornate, ha invece eliminato nel round 1 le svizzere dello Zug e non ha alcuna intenzione di fermare il suo percorso europeo a Salerno. In merito alla sfida di EHF Cup l’ala sinistra della Jomi Salerno, Pina Napoletano afferma: “Per noi è molto importante cercare di rappresentare l’Italia nel miglior modo possibile. Per questo, scenderemo in campo con l’obiettivo di ben figurare e di sfruttare ogni possibilità ci verrà offerta dalle nostre avversarie. La formazione russa dello Zvedza Zvenigorod può contare su un roster giovane, ma comunque di alto livello. Per quanto ci riguarda, sappiamo che non sarà facile, ma venderemo cara la pelle prima di cedere il passo alle avversarie”.