Un poker di assoluto prestigio.
La PDO sbanca Misano Adriatico, sede dei campionati nazionali giovanili, portandosi a casa quattro dei sei titoli italiani in palio. Il team salernitano ha trionfato nel beach handball e nel campionato di pallamano indoor nelle categorie Arcobaleno (under 11) ed Esordienti femminile (under 12), ottenendo anche un bronzo tra gli Esordienti maschile (beach handball) ed un quinto nel torneo indoor.
Nessuno ha fatto meglio della spedizione salernitana rivelatasi, nella settimana trascorsa in Emilia Romagna, quale autentica super potenza nel settore propaganda.

“Un risultato eccezionale – commenta il diesse Lino Loria – che conferma la bontà del lavoro che stiamo svolgendo anche a livello giovanile. Dopo tre anni di lavoro intenso e proficuo abbiamo raccolto risultati importantissimi, probabilmente anche al di là delle più rosee aspettative. Un plauso va al nostro staff tecnico a coach Nasta, a Mimmo Testa e a tutte le singole allenatrici
. Stanno facendo davvero un ottimo lavoro”. Non è mai facile coniugare risultati eccellenti della prima squadra dove quest’anno la Jomi ha vinto tutto quello che c’era da vincere, con grandi risultati a livello giovanile; la società salernitana l’ha fatto valorizzando l’ottimo lavoro della base.
La PDO ha sbaragliato la concorrenza nella categoria Arcobaleno, la categoria d’ingresso, e lo ha fatto sia nel torneo di beach che nel campionato indoor.
“E’ il risultato che fotografa lo stato di salute di un settore giovanile – dice coach Nasta – perchè in questa categoria si gioca con squadre miste. Devo dire che la nostra squadra è andata in crescendo battendo in finale il Franciacorta Brescia che pure, fino all’anno passato, ci batteva regolarmente e anche in maniera abbastanza netta”. Non c’è stata storia neanche tra le Esordienti femminili. “Anche qui – osserva Nasta – abbiamo espresso un’ottima pallamano e soprattutto evidenziato progressi straordinari.
Non sottovaluterei neanche il quinto posto ottenuto, sempre nel settore femminile, nel campionato Under 14, campionato che abbiamo giocato con la stessa squadra esordienti.
Ovvio che l’anno prossimo punteremo a salire ancora di livello puntando proprio al titolo Under 14; le premesse tecniche ci sono tutte”.
Soddisfazione nel club salernitano anche per i risultati portati a casa nel settore maschile. Soddisfazione ed una punta di rammarico per il risultati nel campionato esordienti.
“Dove – commenta Nasta – siamo stati scippati della finale terzo e quarto posto in maniera assurda e vorrei fermarmi qui. I nostri ragazzi, però, hanno dimostrato di valere e tanto e sono certo che in futuro potranno raccogliere risultati eccellenti, stanno facendo progressi incredibili e questo grazie all’ottimo lavoro di tutto lo staff.
Mi preme ringraziare – conclude – tutto il gruppo di lavoro: il dirigente del settore Lucia Coscia e poi Mimmo Testa, Laura Avram, Rafika Ettaqi, Adele De Santis, Pina Napoletano e tutte le altre ragazze che a vario titolo, in vari momenti, hanno dato un grande impulso all’attività e alla società che da tre anni sta investendo forte sul settore giovanile. Questi risultati premiano i loro sacrifici”.