Cardaci: “Non sono ammesse distrazioni”

Jomi Salerno foto

Jomi Salerno fotoLa Jomi Salerno nell’ottava giornata del campionato di serie A di pallamano femminile affronterà tra le mura amiche della Palestra Palumbo l’Alì Mestrino guidata in panchina da coach Diego Menin. Sulla carta non dovrebbero esserci problemi per la formazione allenata da coach Salvo Cardaci, ma mai abbassare la guardia soprattutto in gare come questa.

 “Una gara che le mie ragazze non dovranno assolutamente sottovalutare contro una formazione che ha inserito in rosa diverse giovani promettenti che insieme all’esperta romena Nichifor e alle varie Losco, Cazzola, Piasentin e al portiere Moretti formano l’ossatura di un team in crescita che secondo me può anche metterci in difficoltà se non scenderemo in campo con la giusta determinazione. Per quel che ci riguarda stiamo bene – prosegue Salvo Cardaci –soprattutto mentalmente con la squadra che ha ritrovato sorriso e vittorie anche se la nostra infermeria è sempre affollata e non abbiamo ancora recuperato al 100% atlete importanti come Ljubica Ceklic Ciryelle Lauretti ferme ai box per problemi muscolari. Le note positive arrivano, invece, dal recupero di Lorena Benincasa che sta ritrovando la condizione fisica migliore e dalla crescita di Laura Casale e dei giovani portieri Martina Iacovello e Elisa Ferrari che sono certo saranno fondamentali nel corso della stagione”. Dopo l’eccellente pre-campionato e la sconfitta di misura nella finale diSupercoppa contro l’Indeco Conversano sono arrivate 7 vittorie consecutive in campionato per la Jomi Salerno“Sinceramente non avevo pensato che il gruppo potesse così presto trovare la quadratura avendo cambiato modulo difensivo e provato qualche altra soluzione in attacco. Ma le ragazze, nonostante le defezioni che hanno condizionato i nostri allenamenti, hanno reagito alla grande e in campo la loro grinta e la voglia di dimostrare che questa non era una squadra cotta ha fatto il resto. Ma dietro questi successi c’è il super lavoro del nostro preparatore atletico professoreFranco Saracino e del mio vice Adele De Santis con i quali riusciamo a lavorare in totale sintonia”. Infine dove può arrivare la Jomi Salerno in questa stagione? “Non ci siamo posti dei limiti ad inizio di stagione e l’unica cosa che abbiamo più volte ribadito è che volevo provare a ricreare entusiasmo e voglia di tornare a lottare per le posizioni che contano – termina il tecnico della Jomi SalernoSalvo CardaciConversano e Cassano sono, e restano, le nostre principali avversarie, ma vedo in crescita anche FerraraCasalgrande e le formazioni teramane che possono rientrare nella lotta per i play-off. Per quanto ci riguarda continuiamo a vivere alla giornata provando ad allungare la nostra striscia positiva perché la vetta non è un caso, ma siamo consapevoli che dovremo lottare ed impegnarci al massimo in tutte le gare se vorremo mantenere il primato”.

Carrello