JOMISALERNO: TI ATTENDE UNA MISSIONE POSSIBILE

E’ la settimana della verità per la Jomi Salerno. Il pareggio in gara uno di Finale Scudetto con Conversano ha complicato i piani del team di Nasta che sa di aver perso l’occasione per sfruttare il vantaggio del campo. Tutto si deciderà sabato prossimo in Puglia: solo un nuovo pareggio, infatti, consentirebbe alla Jomi di giocare la bella in casa. A Conversano, dunque, sarà spareggio scudetto. Chi vincerà, potrà cucirsi il tricolore sul petto. La Jomi ha tutto per vincere in Puglia, cosa che le è già riuscita nella fase ad orologio, ma dovrà giocare una partita non condizionata dagli errori commessi sabato scorso. La preparazione del match e la conduzione del primo tempo erano state all’altezza delle aspettative ma poi qualcosa si è inceppato nel meccanismo di gioco della Jomi che ha subito un parziale pesantissimo che ha cambiato la partita. E così la squadra di Nasta ha dovuto rincorrere fino a quando non ha annullato il divario di quattro reti ed è riuscita ad operare il nuovo sorpasso. Il pareggio subito quasi all’ultimo respiro ha sicuramente inflitto un brutto colpo al morale di Coppola e compagne che, però, smaltita in fretta l’amarezza, hanno già tirato fuori le unghie e messo nel mirino la partita di sabato. A Conversano la Jomi venderà cara la pelle e punterà a portare a casa la vittoria. Una stagione in una partita: questa la prospettiva che attende la squadra salernitana che avrebbe potuto conservare il vantaggio del campo, se solo in gara 1 non fosse partita così contratta e nervosa. A Conversano ci vorrà un approccio convinto ed una attenta condotta di gara, esente da pause e distrazioni che sono costate tantissimo sabato scorso. Non è una missione impossibile, ma l’ennesimo esame da grande che il gruppo di Nasta è chiamato a superare a pieni voti. “Abbiamo le potenzialità per farlo, siamo stati noi a ficcarci in questo problema e tocca a noi tirarci fuori alla grande con la forza e l’ abnegazione che questo gruppo ha sempre dimostrato nelle occasioni che contano e quella di sabato – conclude Nasta – sarà un’occasione irripetibile per tutti quanti noi”.

 

 

Carrello