Prima trasferta per la Jomi Salerno, domani in campo contro Cassano. Coach Avram: “Orgogliosa del lavoro fatto in settimana. Al Pala Tacca, però, sarà una sfida difficile”

2^ giornata. Sabato 17 settembre ore 16.30 Cassano Magnano – Jomi Salerno

Sono entrambe reduci da una vittoria nella prima giornata di campionato, Cassano Magnago e Jomi Salerno sono pronte ad affrontarsi nel secondo impegno della stagione. Per le salernitane sarà la prima trasferta del campionato, per le ragazze di coach Onelli, invece, la prima tra le mura amiche. Lo scorso sabato Napoletano e compagne, dopo un primo tempo equilibrato, hanno battuto per 33 – 22 Casalgrande alla Palumbo, mentre Cassano ha espugnato il campo di Mestrino con il risultato finale di 25 – 29. Una sfida, dunque, che si preannuncia tutta da vivere, quella in programma alle ore 16.30 di domani al PalaTacca di Cassano Magnago. Nonostante, infatti, il campionato sia appena cominciato, le squadre si daranno battaglia per trovare continuità di risultati ed arrivare già alla prima pausa della stagione, nel primo weekend di ottobre, col bottino pieno.

Sono veramente orgogliosa per come le ragazze hanno lavorato nel corso della settimana, si sono impegnate al massimo. Man mano che si entra nel vivo del campionato si mentalizzano e si adeguano. In questa fase stiamo caricando molto con il lavoro perché abbiamo Cassano Magnago, Erice in casa, poi ci sarà la pausa quindi, per queste due settimane, sarà necessario concludere la prima parte della preparazione così che il nostro percorso possa proseguire nel modo giusto – ha dichiarato il coach della Jomi Salerno Laura Avram -.  Tutte le nuove arrivate stanno facendo molto bene. Non sono preoccupata per domani, perché abbiamo lavorato duramente. Contro Cassano Magnago, però, sarà una gara da approcciare bene dal punto di vista fisico e mentale, perché ci attende un lungo viaggio ed in giornata saremo già in campo. Cassano è stata la sorpresa della prima giornata di campionato, sono molto brave nell’uno contro uno, hanno attacchi molto lunghi, per questo io avrò bisogno di tutte”.

Carrello